Sankara, il video che portò alla sua uccisione

Ieri, 15 ottobre 2017, era l’anniversario dall’uccisione di Thomas Isidore Noel Sankara. A 30 anni dalla morte, in pochi ancora conoscono questo personaggio importante non solo per il Burkina Faso ma per l’intero continente Africano e tutto il mondo occidentale.

Sankara, chiamato anche il Che Guevara africano, aveva cambiato nome al suo paese, da Alto Volta a Burkina Faso (la terra degli uomini integri) diventandone il primo Presidente. Storico il messaggio che mandava in giro: «Ci hanno prestato i soldi gli stessi che ci hanno colonizzato. E allora, cos’è il debito se non un neocolonialismo governato dai paesi che hanno ancora pruritì imperiali? Noi africani siamo stati schiavi e adesso ci hanno ridotto a schiavi finanziari. Quindi, se ci rifiutiamo di pagare, di sicuro non costringeremo alla fame i nostri creditori. Se però paghiamo, saremo noi a morire. Quindi dobbiamo trovare la forza di dire a costoro guardandoli negli occhi che sono loro ad avere ancora debiti con noi, per le sofferenze che ci hanno inflitto e le risorse immani che ci hanno rubato.»

Di seguito trovate il video di un discorso che fece alla venticinquesima conferenza dell’OUA (Organizzazione per l’unità Africana) – Addis Abeba 29 Luglio 1987. Vi consigliamo di ascoltarlo dall’inizio alla fine!

YouTube Preview Image

«Non è possibile effettuare un cambiamento fondamentale senza una certa dose di follia. In questo caso si tratta di non conformità: il coraggio di voltare le spalle alle vecchie formule, il coraggio di inventare il futuro. Ci sono voluti i pazzi di ieri per permetterci di agire con estrema chiarezza oggi. Voglio essere uno di quei pazzi. Dobbiamo avere il coraggio di inventare il futuro.»

avatar

No comments yet.

Leave a Reply