Progetto

| Português | English|

 

Il progetto che sta dietro questo sito ha ormai una storia di tre anni. Dal 2009 Lunaria, OMCVI, Binario Etico e AJS hanno lavorato alla costruzione di un Media Centre nell’isola di Sao Nicolao, organizzato corsi di formazione sulle tecnologie informatiche libere e sull’uso attivo di internet e scambi giovanili , sia in Italia che a Capo Verde.

 

L’obbiettivo principale del progetto è quello di connettere i giovani capoverdiani che vivono in Italia con i loro coetanei dell’arcipelago, in modo da favorire lo scambio di idee e iniziative per lo sviluppo sostenibile e partecipato.

 

A Roma, grazie alla rete sociale di OMCVI, si è costituito un gruppo di giovani che ha preso in carico la redazione del sito e che organizza eventi e iniziative. A Capo Verde i ragazzi dell’associazione AJS continuano a usare il sito per informare il mundo kriol su quello che succede nell’arcipelago.

 

Nei primi due anni il progetto è stato sostenuto da UNDP e Commissione Europea, nel 2012 possiamo contare sul contributo dell’Otto per Mille della Chiesa Valdese.

 

Il nostro sogno è che Mundo Kriol divenga uno strumento di comunicazione dei giovani della diaspora, non solo in Italia dunque, e che l’accesso alle tecnologie informatiche sia aperto e garantito a tutti i giovani di Capo Verde.

 

Abbiamo in programma di costruire un nuovo Centro Internet nell’isola di  San Antao, presso un Centro per l’impiego e la formazione professionale  gestito da OMCV, grazie al supporto tecnico della cooperativa Binario Etico. Per sostenere la creazione del Centro Internet di Ribeira Grande è stato organizzata inoltre una prima iniziativa: il 31 Marzo ci siamo impegnati a coinvolgere un centinaio di persone in una cena di finanziamento in cui sono stati raccolti 260 Euro, che sono stati utilizzati per comprare del materiale informatico fondamentale per un buon funzionamento del centro di San Antao.
Stiamo organizzando dei laboratori da tenersi in altre città dove  vivono i figli dei migranti capoverdiani, da Napoli a Lisbona.

 

La redazione di questo sito rappresenta dunque l’impegno di molti giovani e delle loro associazioni che vogliono confrontarsi su diversi temi, valorizzando le idee, i sogni e i desideri di una generazione che troppo spesso si trova in un mondo globale senza perè strumenti e spazi per essere globale per davvero.

 

 

Progetto 2009-2011

Il progetto, elaborato nell’Area Tematica Migranti dell’Iniziativa Congiunta “Migration for Development” mira a promuovere l’accesso alle tecnologie TIC basate su software libero e su attrezzature riqualificate a Capo Verde, nell’isola di Sau Nicolau, con l’obiettivo di accrescere l’inclusione sociale, la comunicazione tra la comunità locale e gli emigrati , e promuovere l’imprenditorialità locale.

La diffusione delle TIC a Capo Verde è limitato al 8,7% del totale della popolazione a causa della dispersione geografica e dei costi elevati. Come i Paesi in via di sviluppo, Capo Verde accede al sistema di comunicazione tradizionali (TV, radio), sistema che non permette alle comunità locali di accedere alla produzione e all’elaborazione di informazioni.

Un accesso alle TIC attraverso il software libero e attrezzature a basso costo, come dimostrato da diverse esperienze internazionali (ad esempio: UNESCO Comunità centri multimediali, IDRC-UNDP Telecentro), permetterà alla comunità Capeverdiana di essere protagonista e promotrice di uno sviluppo basato anche sulle informazioni, in grado di favorire la partecipazione dal basso e di rafforzare la coesione sociale, attraverso esperienze di educazione non formale e formale, conoscenze linguistiche e la comunicazione con i migranti in Europa.

Con la creazione di un centro multimediale nell’isola di Sao Nicolau, il progetto offrirà 10 postazioni PC, 1 postazione streaming radio e 1 video. Il Centro Multimediale sarà gestito dalla locale Associacao Solidarios Jovens (AJS). Inoltre, la partnership fornirà uno specifico corso di formazione tecnica rivolta al personale local, al fine di creare un gruppo di esperti in grado di gestire il Centro, superare eventuali problemi tecnici e anche di offrire supporto tecnico per l’installazione di simili servizi in altre isole del Capo Verde, con l’obiettivo di medio periodo di promuovere nuove forma di imprenditorialità, centrate sui bisogno della comunità locale e non dipendenti da tecnologie inaccessibili.

Allo stesso tempo, grazie al coinvolgimento della comunità capoverdiana in Italia , il progetto prevede 2 corsi di formazione sull’uso delle TIC e strumenti di comunicazione partecipative (web 2.0, video, web radio, ecc ) diretto a 2 gruppi di destinatari diversi: un gruppo giovanile in Italia, composta da immigrati capeverdiani, per lo più nati e cresciuti in Italia; un gruppo di giovani di Capo Verde, composto da giovani dell’isola di Sau Nicolau. I 2 gruppi impareranno nozioni di base del software libero e il recupero di attrezzature di seconda mano pc. Avranno la possibilità di sperimentare le loro nuove competenze grazie ad attività creative di comunicazione sulla vita dei giovani Capo Verde e nelle realtà all’estero della diaspora.

Una attenzione particolare sarà dedicata ai giovani di seconda e terza generazione, che vivono in Italia. Tale focus creerà sinergie positive per riflettere sulla migrazione e sullo sviluppo dei paesi di accoglienza e di origine, coinvolgendo anche altri soggetti interessati, istituzioni locali e responsabili politici. I due gruppi che prenderanno parte ai corsi di formazione saranno coinvolti in 2 scambi bilaterali, uno a Capo Verde, l’altro a Roma, al fine di rafforzare la loro cooperazione futura per le attività multimediali del Centro e “scoprire” le condizioni di vita e i sogni dei giovani a Capo Verde e in Italia